DOMANI AL VOTO IL Def

Ultimi ritocchi per chiudere entro domani il pacchetto del Def la cosidetta manovra bis enti locali, contrariamente a quanto stabilito dalla Ue che fissava il termine ultimo il 10 Aprile per l’approvazione, il Consiglio dei ministri si appresta a votarlo, il Documento di economia e finanza rivisto e corretto, a passare il vaglio politico dell’insieme delle misure di correzione e crescita toccherà lo stesso giorno anche al provvedimento da 3,4 miliardi, si stabilirà il quadro macroeconomico italiano, inserendo la correzione del deficit strutturale pari allo 0,2% del Pil del 2017, come tra l’altro richiesto da Bruxelles.
L’ipotesi che preoccupa è che la mini manova possa avere un effetto depressivo sull’economia, non è però del tutto escluso, tanto che potrebbe non modificarsi in alcuni punti il documento e restare ferma l’asticella.
Il debito pubblico secondo le stime inizierà a calare dal 2018, come afferma il Viceministro Enrico Morando, anno in cui Padoan ha assicurato alla Ue un’ulteriore correzione del saldo strutturale dello 0,6% previsto nel 2019.

M.F.